Il Vittoriale degli italiani è la cittadella monumentale fatta costruire dal poeta Gabriele d`Annunzio, il quale vi soggiornò dal 1921 al 1938 il progetto e la realizzazione delle opere architettoniche furono dell’architetto Giancarlo Maroni.

La Prioria, facciata dell'abitazione del poeta Gabriele D'Annunzio. Materiale fornito dalla fondazione Il Vittoriale degli Italiani - Itinerari Brescia

Denominato il Vittoriale degli Italiani il complesso architettonico è a Gardone Riviera, sul lago di Garda, all’interno del Parco dell’Alto Garda Bresciano.

Il portico sottostante l'archivio del Vittoriale degli Italiani. Progetto di Giancarlo Maroni. Materiale fornito dalla fondazione Il Vittoriale degli Italiani - Itinerari Brescia

Non si tratta di una casa, ma di un insieme di edifici, giardini, teatri, vie e piazze, un complesso realizzato e voluto dal poeta in memoria della sua vita e delle sue imprese.


Visualizzazione ingrandita della mappa
Infatti sono presenti i cimeli di alcune sue azioni militari: l`aereo Ansaldo S.V.A. del volo su Vienna, quando il poeta partecipò nel 1918 come comandante di una spedizione di 10 aerei che sorvolò Vienna lanciando volantini propagandistici, il MAS della beffa di Buccari, un`azione navale che riuscì a penetrare le difese austriache a cui si unì anche D`Annunzio e il famoso incrociatore Puglia, donato nel 1925 dalla Marina al poeta e che egli pose nel suggestivo ambiente dei suoi giardini, incastonata su uno sperone roccioso.

La prua della nave Puglia, il monumento curioso sito tra il Mausoleo e il lago. La nave fu donata dalla Marina Militare al poeta. Materiale fornito dalla fondazione Il Vittoriale degli Italiani - Itinerari Brescia

Sul colle più alto del complesso è collocato il Mausoleo, monumento funebre dedicato ai caduti di guerra, dove sono sepolti d`Annunzio (dal 1963) e alcuni partecipanti all’impresa di Fiume del 1919, quando il poeta guidò una spedizione militare che si impadronì di Fiume e la dichiarò parte del Regno d’Italia, per opporsi alla “vittoria mutilata” dei trattati di pace che posero fine al primo conflitto mondiale.

Il biplano Ansaldo Sva, utilizzato da Gabriele D'annunzio per il volo sopra Vienna nel 1918. Materiale fornito dalla fondazione Il Vittoriale degli Italiani - Itinerari Brescia

Nell’area del Vittoriale è presente anche un teatro, ispirato agli anfiteatri antichi, che ha una capienza di 1.500 persone e offre una vista suggestiva del lago di Garda.

Anfiteatro del Vittoriale degli italiani situato volontariamente in un punto panoramico del parco, da cui si può ammirare la penisola di Sirmione.. Materiale fornito dalla fondazione Il Vittoriale degli Italiani - Itinerari Brescia

La cosiddetta Prioria è la vera e propria villa di d’Annunzio, il luogo dove trascorse l’ultimo periodo della sua vita, dal 1921 al 1938. Consiste in circa venti ambienti caratterizzati dalla penombra, in quanto il poeta soffriva di fotofobia e arredati con innumerevoli oggetti, cimeli e soprammobili che testimoniano una sorta di horror vacui.

Sotto la Prioria fu realizzato il giardino all'italiana, voluto da Gabriele D'annunzio. Materiale fornito dalla fondazione Il Vittoriale degli Italiani - Itinerari Brescia

Una delle stanze più importanti è la Zambracca (dall’antico provenzale, “donna da camera”), stanza adibita a guardaroba ma anche a studio, in cui il poeta trascorse la maggior parte del tempo negli ultimi anni e dove morì il 1 marzo del 1938. Da notare anche la stanza della Leda, camera da letto di d’ Annunzio, il bagno blu, che ospita ben 850 oggetti e la stanza del Lebbroso, concepita come camera funeraria e luogo in cui d’ Annunzio si ritirava per meditare sulla morte.

I giardini del Vittoriale occupano circa il 50% di tutta l`area e al loro interno, tra limonaie, frutteti e boschetti trovano collocazione l`incrociatore Puglia e nel punto più alto il Mausoleo.

Il Museo d’Annunzio Eroe – già Museo della Guerra -, inaugurato nel 2000 nel palazzo di Schifamondo, che doveva essere la nuova residenza del poeta prima della sua morte inaspettata, ospita una serie di oggetti, cimeli e documenti riguardanti le imprese militari di d’ Annunzio, dalla prima guerra mondiale all`impresa di Fiume.