Tremosine sorge nel cuore del Parco Alto Garda Bresciano ed è formato da ben 18 frazioni con un’estensione territoriale di oltre 70 km. L’altopiano di Tremosine è incastonato tra monti e lago, formando un’oasi naturale adatta per chi ama la natura. Splendida la strada della forra che corre lungo il torrente Brasa, a volte scavata nella roccia ed a volte a sbalzo su strapiombi che offrono panorami mozzafiato. Uno dei punti d’osservazione più strabilianti è certamente la Terrazza del Brivido, sospesa a 350 mt sul lago: si può vedere con un colpo d’occhio tutto il lago di Garda e di fronte il Monte Baldo.


Visualizzazione ingrandita della mappa

I prodotti tipici che caratterizzano Tremosine sono molti: dal pesce di lago alla selvaggina, dall’olio extra vergine d’oliva del Garda ai pregiati tartufi neri fino agli inconfondibili formaggi.

Scorcio di Tremosine, lago di Garda - Itinerari Brescia: fotografia di giasco (Flickr)
Tutte le frazioni di Tremosine sorgono tra i 400 ed 600 mt., tranne una: Campione del Garda che si trova a livello del lago. Le atre frazioni sono: Pieve, Arias, Castone, Mezzema, Pregasio, Cadignano, Samerio, Voiandes, Vesio, Villa, Voltino, Utecchia, Bassanega, Priezzo, Sompriezzo, Musio, Secastello e la già nominata Campione.

Frazione Pieve di Tremosine, lago di Garda - Itinerari Brescia: fotografia di massimo.bottelli (Flickr)

Il capoluogo di Tremosine fu abitato fin dal periodo neolitico e le prime comunità si stabilirono in località Castello. Di epoca romana sono, invece, le lapidi funerarie rinvenute su tutto il territorio di Tremosine, compreso il cippo che si trova sul muro di cinta della Parrocchiale. A Pieve, già nell’VIII secolo, esisteva una cappella cristiana che venne abbattuta attorno all’anno Mille per far posto ad un edificio più grande, in stile romanico e dedicato a S. Maria. Di quell’edificio rimane oggi solamente il campanile e la nuova chiesa, datata 1570, venne dedicata a S. Giovanni Battista. I dipinti, gli altari e le balaustre risalgono al 1600 – 1700: troviamo diverse opere lignee di Giacomo Lucchini come il coro, l’organo, il bancone della sagrestia ed il confessionale. La Macchina del Triduo – ricca scenografia in legno dipinto che porta 365 candele – risale invece alla seconda metà del Settecento: questa viene montata sull’altare maggiore per i tre giorni di preghiera per i defunti che precedono l’inizio della Quaresima.

 

La strada vecchia di Tremosine – detta strada della Forra – è un gioiello incastonato nel ventre della montagna e che segue la spaccatura creata dal torrente Brasa. Questa strada collega la riva gardesana con la frazione di Pieve, più alta di circa 350 metri. Questa strada è da percorrere a piedi, per ammirare i canyon creati dall’azione dell’acqua: incredibili passaggi e strette gallerie sono ciò che la caratterizzano. Nel percorso ci s’imbatte nella Madoninna, che fu portata in processione e collocata nella Forra da Don Michele Milesi. Dal 1960 questa è diventata la patrona degli automobilisti di Tremosine.

Terrazza del Brivido, Tremosine - Itinerari Brescia: fotografia di Route.66 (Flickr)

Molto suggestivo è anche l’Eremo di San Michele, che sorge nell’omonima valle. L’edificio, di probabile origine longobarda, sorge nel cuore del Parco Alto Garda Bresciano ed in posizione isolata. L’Eremo è circondato solo dalla Foresta Gardesana Occidentale, la più grande foresta demaniale della Lombardia. Questa chiesetta è una delle più antiche di Tremosine e la suo costruzione risale probabilmente al periodo longobardo: S. Michele Arcangelo era infatti il protettore dei longobardi dopo la loro conversione al cristianesimo, avvenuta attorno all’VIII° secolo. S. Michele era anche il patrono di chi lavorava utilizzando il fuoco, come i carbonai o i lavoratori delle fucine, un tempo numerosi in quella zona. La chiesa si presenta ad aula unica e abside a forma di poligono, che potrebbe risalire al XIV secolo: nella parte inferiore delle mura perimetrali si riscontrano però tecniche costruttive più antiche. L’abbandono dell’Eremo avvenne verso l’inizio dell’Ottocento ed attualmente è affidato ai frati francescani lombardi.

Da Tremosine partono svariate passeggiate attraverso il Parco Alto Garda Bresciano da percorrere a piedi ed in mountain bike.