Rovato è una cittadina che sorge ai piedi del Monte Orfano, nel territorio della Franciacorta, rinomata zona vitivinicola. A pochi passi da Rovato possiamo scorgere le magnifiche campagne franciacortine e poco più in la troviamo il lago d’Iseo, meta famosa per il turismo estivo.


Visualizzazione ingrandita della mappa

Rovato ha origini molto antiche, tant’è che viene definito come la capitale della Franciacorta. Passeggiando per il centro del paese si può notare l’antico acquedotto e poco distante i resti delle mura e del mercato, un tempo luogo fervente di gente e di animali. Il mercato del bestiame di Rovato è una delle tradizioni più antiche della Franciacorta: per molti secoli questo fu il punto in cui i mercanti s’incontravano per commerciare il bestiame: bovini soprattutto ma anche suini, equini ed ovini. Il centro storico del paese sorge più in alto rispetto all’attuale via principale: fino a qualche anno per le vie del centro storico si svolgeva il consueto mercato del lunedì, una tradizione da onorare per tutti i rovatesi. Oggi, con il numero crescente di ambulanti, il mercato si è spostato in una zona adiacente al Foro, cioè l’antico mercato delle bestie.

Panoramica Rovato - origine foto: www.distrettocommerciorovato.itRovato - origine foto: www.festaprimomaggio.info

Rovato offre al turista anche delle belle escursioni sul Monte Orfano, la collina che il paese ha in comune con i paesi limitrofi di CoccaglioCologne ed Erbusco. La sua origine è molto antica ed è uno tra gli affioramenti più interessanti della pianura: recentemente, infatti, è stato individuato un tipo di terreno presente solo su questa collina. Percorrendo la salita che porta alla vetta, incontriamo la chiesetta di S. Stefano, la prima parrocchiale del paese. Quella che vediamo oggi è la chiesa di origine quattrocentesca, sorta su una costruzione preesistente eretta presumibilmente nel 700 d.C. ad opera dei Longobardi.

S.Stefano a Rovato - Itinerari Brescia

La chiesa di S. Stefano originariamente si presentava con una navata unica, oggi identificabile con la navata centrale. La struttura venne successivamente ampliata a causa dell’aumento del numero dei fedeli: ciò che ammiriamo ora è dunque una struttura che presenta una commistione di stili unica, che va dal paleocristiano al romanico con influssi gotici nella struttura a tre navate. La facciata si contraddistingue per la sua sobria eleganza grazie ad un bel rosone centrale, gli archi e gli ornamenti. All’interno la chiesa è ricoperta di numerosi affreschi, ma ciò che attira l’attenzione è l’imponente trono marmoreo contenente l’immagine della Madonna con il Bambino Gesù, simbolo della devozione mariana della chiesa di S. Stefano. La chiesa si trova in posizione elevata rispetto al nucleo originario del paese e per accedervi bisogna affrontare una ripida scalinata.

Centro Storico Rovato - origine foto: distrettocommerciorovato.it

Proseguendo verso la vetta si giunge al Convento della SS. Annunciata, edificato verso la fine del 1400 ed affidato ai Servi di Maria. La struttura del Convento è formata da un corpo centrale, da un chiostro e da una Chiesa ricostruita nel Seicento e contente un affresco del Romanino ed altre opere della scuola del Mantegna. Il Convento domina sia la pianura sia la campagna franciacortina ed è il punto di partenza di svariati itinerari naturali, tra cui l’escursione verso le 3 croci che dominano il Monte Orfano.
Rovato, immerso nello splendido territorio della Franciacorta è il luogo ideale per chi vuole rimanere a contatto con la natura e nello stesso tempo avere a portata di mano tutte le comodità della vita moderna.