Il Museo Archeologico Nazionale della Valcamonica Brescia – accoglie al proprio interno reperti e materiale di epoca romana riportati alla luce grazie agli scavi condotti dal Centro Camuno di Studi Preistorici.

Museo Nazionale di Cividate Camuno - Particolare dell'interno - Itinerari Brescia

La collezione del museo, composta da tutto il materiale di epoca romana ritrovato a partire dalla fine del XVII secolo, è organizzata in quattro sezioni tematiche: il territorio, la città romana, la religione e le necropoli.

Museo Nazionale di Cividate Camuno - Una sala del museo - Itinerari Brescia

Nelle prime due sale del Museo, dedicate alla dominazione romana sul territorio di Cividate Camuno, sono esposti numerosi reperti che spaziano dai rilievi, agli strumenti di lavoro realizzati in argilla passando per le epigrafi provenienti soprattutto dagli scavi effettuati nel sito di S. Stefano.
La dominazione romana della Valcamonica è ben documentata attraverso questa ricca collezione che offre al visitatore anche la possibilità di ammirare pezzi unici quali ceramiche lavorate a mano, mosaici, vetri, e monete decorate, ma anche una serie di elementi architettonici di epoca romana come capitelli, pannelli in altorilievo, mezzibusti e parti di statue.

Particolare di un reperto all'interno di una sala del Museo nazionale di Valcamonica - Foto di Luca Giarelli - Itinerari Brescia

La terza e la quarta sezione del Museo sono dedicate rispettivamente ai temi della religione e alle necropoli. Si tratta si agglomerati di tombe e sepolture che originariamente si trovavano vicino agli antichi centri abitati dalle popolazioni romane e che oggi è possibile vedere all’interno del museo. La collezione è infatti composta di epigrafi e corredi funerari ritrovati all’interno dei siti archeologici di Borno, Breno e di Cividate Camuno.

Il Museo Archeologico Nazionale della Valcamonica offre al pubblico la possibilità di ammirare la ricca collezione di reperti che resero la Valle Camonica uno dei territori più romanizzati dell’arco alpino.