Sulla cima del monte Guglielmo – che divide il solco della media Val Trompia dal lago d’Iseo – troneggia il monumento dedicato al Redentore, voluto da Giorgio Montini, padre di Papa Paolo VI.

Monumento al Redentore in un grigio pomeriggio – Itinerari Brescia

Il monumento fu inaugurato e consacrato il 24 agosto 1902 – Giovanni Battista Montini aveva 5 anni – e da allora la terza settimana di luglio si compie il pellegrinaggio sulla vetta bresciana per rendere omaggio alla Madonna dell’Accoglienza ed anche al Pontefice Paolo VI. Del Papa, infatti, possiamo trovare una statua in bronzo che risale al 1988.

Monumento al Redentore, particolare – Itinerari Brescia

Da ricordare che questa Chiesa è un luogo caro a Papa Paolo VI, il quale nel 1966 ne volle il restauro. Inoltre questa è anche la meta dell’associazione culturale che da quindici anni organizza le attività intorno all’edificio religioso da sempre apprezzato anche come perla dell’arte bresciana: sono celebri i suoi mosaici montati all’esterno, il portale di bronzo che ricorda la figura di un altro papa: Giovanni Paolo II e quello nuovo da visitare a partire da luglio 2011 nella piccola cappella dove il mosaico si poggerà sull’altare.

Statua di Paolo VI - cima del monte Guglielmo - Itinerari Brescia

 

Questo mosaico è stato inaugurato il 17 luglio 2011 con un cerimonia religiosa ed è opera dell’artista bresciano Marco Furri.