Moniga del Garda sorge nella lussureggiante Valtènesi, un territorio che nasce 15 mila anni fa alla fine dell’ultima glaciazione. Il paese è anche soprannominato Città del Chiaretto, dal nome del tipico vino rosato che viene prodotto su questo territorio ed è ottenuto dalle uve del vitigno Groppello. Dal 2008 Moniga è protagonista della rassegna nazionale dei vini rosati Italia in rosa.

Moniga del Garda - Itinerari Brescia - Fotografia di Amico Friz (Flickr)

Il toponimo Moniga deriva presumibilmente dal germanico Morn, che significa esposto al mattino e risale alla presenza di un santuario dedicato alla dea Diana Munichia. Le palafitte rinvenute in località Porto rivelano che il paese è stato abitato fin dall’età del bronzo; di epoca romana è invece la lapide dedicata a Benacus e ritrovata durante una ristrutturazione edilizia. Questa lapide dovrebbe essere la più antica testimonianza in cui appare la parola Benacus – Benaco – ed alcuni studiosi ritengo che un tempo Moniga fosse un villaggio di pescatori.


Visualizzazione ingrandita della mappa

Il castello di Moniga domina tutta la collina che scende dolcemente verso il lago. Il castello fu edificato nel X sec. e la sua funzione era quella di ostacolare gli Ungari: la struttura ha subito rimaneggiamenti e ciò che possiamo vedere oggi risale presumibilmente al XIV – XV secolo. Il mastio è ora utilizzato come torre campanaria della vicina parrocchia, mentre all’interno del castello vi sono abitazioni private.
Passeggiando per le strade di Moniga c’imbatteremo nella Quattrocentesca parrocchiale dedicata a San Martino, che oggi troviamo decorata in stile barocco: al suo interno conserva cinque altari ed alcune pale dipinte.

Il castello di Moniga del Garda - Itinerari Brescia - Fotografia di Maurizio Molinari (Flickr)

Ma il Chiaretto del Garda è ciò che oggi distingue Moniga dalle altre città gardesane: la sua vinificazione venne iniziata nell’Ottocento dal senatore Pompeo Molmenti del quale si conserva l’antica dimora, già Palazzo Brunati: questo è uno splendido palazzo affrescato da pittori veneziani amici del senatore. Il palazzo è oggi proprietà privata ma viene aperto in concomitanza di manifestazioni dedicate a Molmenti o al vino Chiaretto.
Molto caratteristico è il borgo più antico del paese, situato in località Pozzo dove, passeggiando tra le strette viuzze si potrà godere di scorci di lago unici ed impareggiabili