Limone, splendido comune che si affaccia sulle acque del lago di Garda, è da secoli terra di oliveti e limonaie tra i più affascinanti d’Italia. I giardini di limoni ricoprono le colline gardesane e si mescolano alle coltivazioni di olivi, dai quali si ricava un olio dal sapore molto particolare e gradevole.

L'antica limonaia chiamata Prat de la Fam, sulla strada per Limone del Garda - Itinerari Brescia

La tradizione delle limonaie risale al XIII secolo, quando i primi limoni furono importati dalla riviera ligure e da allora si è trasformata in un’attività radicata nella cultura gardesana, portata avanti con perizia e passione. Dalle coltivazioni si selezionano i limoni migliori per profumo, sapore e qualità. Oggi le limonaie rappresentano un aspetto caratteristico dell’identità gardesana, una tradizione antica e genuina che deve essere salvaguardata.

Una pianta di limoni che sorge nella splendida località di Limone sul Garda - Itinerari Brescia

A Limone, Tignale e Riva del Garda progetti di riqualificazione voluti dai comuni e dai cittadini stessi, hanno visto protagoniste alcune tra le limonaie più belle, che sono state riportate allo splendore ottocentesco, la loro epoca d’oro.

Un vecchio frantoio a Limone sul Garda - Itinerari Brescia

A Tignale si trova la limonaia visitabile Al Pra de la fam, chiamata anche Giardino vecchio, alla quale fu aggiunto in seguito il Giardino Nuovo. I due giardini sono stati al centro di un progetto di recupero, fortemente voluto dalla Comunità Montana dell’Alto Garda, grazie al quale oggi vi si producono ancora agrumi, anche se in quantità ridotte.

Un oliveto a Limone sul Garda - Itinerari Brescia

A Limone del Garda la Limonaia del Castel si estende per una superficie di oltre 1600 metri quadrati e la sua struttura originale, di cui oggi purtroppo rimane solo una parte, risale al 1700.
 Dal 1995 la limonaia è di proprietà del comune di Limone che ha attuato un piano di ristrutturazione e riqualificazione dell’intera area, apportando modifiche strutturali e organizzative.
 Al centro del giardino sorge un casèl, costruzione un tempo adibita a punto di collegamento tra i diversi livelli sui quali si sviluppava la limonaia e oggi attrezzato a museo didattico. 
La limonaia è mantenuta attiva e produce diverse specie di agrumi tra i quali, oltre ai limoni, vi sono cedri, aranci dolci e amari, bergamotti, pompelmi e mandarini.

Una pianta di olive nello splendido paese di Limone dul Garda - Itinerari Brescia

Accanto alle limonaie, la coltivazione di olivi gioca un ruolo centrale all’interno dell’identità gardesana. La pratica dell’olivicoltura sul Garda ha radici che risalgono agli inizi del medioevo e vi sono testimonianze della presenza di oliveti e frantoi molto antichi lungo l’intera costa del lago.
 E non è perciò un caso se agli inizi del 900 nasce la Cooperativa tra i possidenti di oliveti allo scopo di tutelare il patrimonio culturale dell’attività degli oleifici.

La limonaia Pra de la Fam a Tignale - Itinerari Brescia

L’olio extravergine di oliva che si ricava dai filari delle colline gardesane è il Garda bresciano D.O.P. e si produce da olive pazientemente raccolte a mano ed è ritenuto tra i migliori oli di oliva del mondo. 
Le olive vengono spremute con macine in pietra, la polpa viene centrifugata e filtrata per regalarci il suo succo migliore. 

L’olio extravergine di oliva Garda Bresciano D.O.P. è riconosciuto a livello mondiale per le sue qualità di sapore, aroma, consistenza, colore e per le sostanze nutritive che contiene; qualità che contribuiscono a renderlo uno dei migliori oli al mondo.