Il turismo è una delle attività più rilevanti per la Valle Camonica che presenta diversi parchi e riserve naturali d’interesse regionale e nazionale. La zona di massima concentrazione turistica è stata dichiarata sito protetto dall’UNESCO dal 1979.


Visualizzazione ingrandita della mappa

La storia della Val Camonica ha radici profonde che risalgono alla fine dell’ultima glaciazione. Le prime testimonianze umane sono datate al XII millennio a.C. e sono costituite da alcune incisioni rupestri di figure animali che compongono il grande corpus di oltre trecentomila graffiti conservato nel complesso museale delle incisioni rupestri.

L’itinerario che vi proponiamo si snoda tra i numerosi parchi tematici e musei che si trovano in zona e all’interno dei quali si possono ammirare le testimonianze preziose degli antichi Camuni.
La prima tappa proposta è il Museo didattico d’arte e vita preistorica che testimonia l’unicità della cultura dei Camuni attraverso decine di migliaia d’incisioni immerse in un “museo all’aperto” circondato dalla natura.

Bedolina guerra e caccia-ItinerariBrescia

Spostandoci di pochi chilometri raggiungiamo il Parco Archeologico Comunale di Seradina e Bedolina che raccoglie incisioni risalenti principalmente all’Età del Bronzo e del Ferro tra le quali si ricorda la Rosa Camuna, oggi simbolo della Regione Lombardia.

In località Capo di Ponte sorge il Parco Nazionale delle Incisioni Rupestri di Naquane, istituito nel 1955, e che custodisce più di 100 rocce incise dal grande valore storico-archeologico.
L’ultima tappa dell’itinerario potrebbe essere rappresentata dal Parco Archeologico Nazionale dei Massi di Cemmo che custodisce due splendide stele monumentali incise, molto probabilmente, in seguito ad un loro distacco dalla parete rocciosa sovrastante e che costituiscono le prime rocce incise scoperte sul territorio della Val Camonica.

La visita per un turista attento non termina qui, anzi, si approfondisce attraverso la scoperta di piccoli gioielli rupestri, di parchi d’interesse minore e, per chi lo desiderasse, attraverso la visita delle numerose chiese di origine romanica che si trovano in zona.

La Valcamonica rappresenta quindi un’accogliente meta turistica all’interno del territorio della provincia di Brescia. Punto di partenza ideale per i visitatori che hanno fame di storia, di cultura e di tradizioni, ma che desiderano anche immergersi in un percorso a stretto contatto con la natura, in un paesaggio incontaminato.