Il Dosso Pozzarotonda offre la possibilità di una rilassante camminata in luoghi selvaggi e poco frequentati su sentieri in parte non segnalati ma facilmente individuabili.

Accesso:
Dal Passo Maniva si segue la strada per il Passo Croce Domini fino al Giogo della Balla e si prosegue in discesa sino al primo tornante, dove si parcheggia in un largo spiazzo che localmente è chiamato Passo di Vaia.

Dosso Pozzarotonda - Dosso Pozzarotonda, Monte Molter e Monte Bagoligolo visti dal Passo Maniva - Itinerari Brescia - Fotografia di Roberto CiriDosso Pozzarotonda - Dosso Pozzarotonda, Monte Molter e Monte Bagoligolo visti dal Passo Maniva - Itinerari Brescia - Fotografia di Roberto Ciri

Descrizione:
Dal Passo di Vaia si passa accanto alla Santella La Grapa e si segue una mulattiera in leggera discesa che passa alta sulla testata della Val di Vaia.

Dosso Pozzarotonda - Il Dosso Pozzarotonda visto salendo il Monte Molter - Itinerari Brescia - Fotografia di Roberto Ciri

La si percorre per circa 10 minuti fin sotto la selletta senza nome di quota 2091 m. Si risale brevemente fino alla selletta e la si valica entrando nell’Alta Val di Corni, passando fra l’Anticima Sud del Monte Mignolino (2175 m), a sinistra, e l’elevazione localmente detta Dosso di Vaia (2160 m), a destra, eventualmente salibile per facile pendio erboso.

Dosso Pozzarotonda - Il Monte Molter visto dal Dosso Pozzarotonda - Itinerari Brescia - Fotografia di Roberto Ciri

Oltre la selletta di quota 2091 m si raggiunge una larga sella senza nome (2055 m, 0,35 h), dove si trova un crocevia di sentieri. Si ignorano tutte le segnalazioni e si sale direttamente verso destra lungo la larga cresta ovest-nord ovest del Dosso Pozzarotonda fino a raggiungere l’ometto di sassi sulla panoramica sommità (0,25 h-1 h), una delle più elevate cime delle Prealpi Bresciane.

Ringraziamo Roberto Ciri per l’itinerario. –  Prealpi Bresciane www.vienormali.it