San Filastrio è un complesso monumentale che si trova a Tavernole sul Mella, in Alta Valtrompia, prima di entrare in paese volgendo lo sguardo in alto a sinistra è impossibile non notare questa affascinante struttura.


Visualizzazione ingrandita della mappa

Formato da una chiesetta cinquecentesca affiancata da un elegante portico a colonne e ad archi a tutto sesto e da un altro edificio che le sorge accanto, è inserito nel cimitero locale che nella parte più antica forma un tutt’uno con esso.

San Filastrio a Tavernole visto dalla strada provinciale - Itinerari Brescia - Fotografia di Laura Gatta

Varcato l’ingresso del cimitero ci si trova davanti la facciata a capanna della chiesetta con affreschi del XV e XVI secolo nei quali giganteggia la figura di S. Cristoforo. Questa fascia di affreschi continua sulla parete del portico sul lato destro della chiesa. Qui, quattro colonne poste su un muretto sorreggono quattro archi a tutto sesto. Questo portico termina con un’abside poligonale coperta da un soffitto affrescato a vele e a ventaglio.

San Filastrio a Tavernole - Itinerari Brescia - Fotografia di Laura Gatta

Appena entrati nella chiesetta, si è colti dalla solennità e nel contempo dalla sua linearità: un arco a tutto sesto in muratura divide la sala in due parti e sorregge un soffitto a copertura con falde a vista. Questa copertura è ancora quella originale con tavelle in cotto dipinte con motivi geometrici.

L'interno di San Filastrio Tavernole - Itinerari Brescia - Fotografia di Laura Gatta

Su ambedue le pareti vi è un ricco apparato pittorico che accosta numerosi riquadri di diverse dimensioni e senza un ordine prestabilito. Tra essi sulla parete di sinistra, nella prima campata, domina l’affresco un po’ deturpato di una grande “Ultima Cena” quattrocentesca. Sempre sul lato sinistro, dopo l’arco a tutto sesto in muratura, una colonna in pietra sorregge degli archetti acuti che a loro volta sono un elemento portante del campanile. L’arco santo divide l’aula dal presbiterio e vi è dipinta una bella annunciazione.

Particolare del soffitto di San Filastrio Tavernole - Itinerari Brescia - Fotografia di Laura Gatta

A sua volta il presbiterio coperto da una volta a crociera con costoloni decorati è illuminato da due monofore aperte in alto nell’abside. Tra le due finestre era posto il bel polittico ora portato nella chiesa parrocchiale. Di grande interesse è l’altare sui cui fianchi laterali sono affrescati due stemmi nobiliari e sul paliotto è affrescata una Madonna in adorazione del Bambino, attorniata da un Santo Papa (S. Gregorio Magno) e da un Vescovo (probabilmente S. Filastrio).

L'interno di San Filastrio Tavernole - Itinerari Brescia - Fotografia di Laura GattaVista su Tavernole da San Filastrio - Itinerari Brescia - Fotografia di Laura Gatta

L’unica cappella laterale della chiesa è formata da un vano rettangolare poco profondo con una volta a botte. La parete di fondo è completamente occupata da un altare in arenaria la cui soasa sfiora la bassa volta e contiene una tela del tardo seicento, firmata Abramo Grisani (XVII sec.) e vi sono raffigurati una “Madonna col Bambino ed i Santi Antonio da Padova e Pietro Martire”.

Interno del portico esterno di San Filastrio a Tavernole - Itinerari Brescia - Fotografia di Laura Gatta

Usciti di chiesa, sulla destra c’è un androne cui frontalmente si presenta una porta con stipiti in pietra, architrave e nicchia ogivale superiore affrescata.

Particolare del ciclo di affreschi del XV secolo - Itinerari Brescia - Fotografia di Laura Gatta

Il suo interno è molto più interessante; è uno degli ambienti più suggestivi della valle: una grande sala quadrangolare con una volta a crociera interamente coperta da un ciclo di affreschi del XV secolo attribuiti alla scuola del Bembo (Bembo Giovanni di Cremona).

L'antica porta - Itinerari Brescia - Fotografia di Laura Gatta

Sulla parete di fondo una stupenda crocifissione; sulla parete di sinistra e su quella d’ingresso, una sequenza di quadri presenta la vita di S. Benedetto, mentre su quella di destra campeggiano affreschi votivi, quello più interessante presenta una magnifica annunciazione.

Particolare del ciclo di affreschi del XV secolo - Itinerari Brescia - Fotografia di Laura Gatta

Nella volta a crociera, in ogni vela campeggiano in uno spazio azzurro cielo, le figure di un evangelista di un dottore della chiesa e S. Tommaso.
Alla base di questi affreschi sono incisi invocazioni e nomi di defunti in quei tempi e nei secoli successivi in questo cimitero.

Testo e fotografie di Laura Gatta.