La chiesetta di Sant’Eusebio si trova nei pressi di Caino, sul confine con Vallio Terme. Percorrendo la strada statale 237 del Caffaro, si giunge in cima al colle S. Eusebio, a 570 metri, dove si troverà immediatamente un parcheggio. Da lì, un brevissimo sentiero conduce ai piedi della piccola chiesa di S. Eusebio, edificio dalle fattezze rustiche ma semplici.

Visualizzazione ingrandita della mappa

Dal praticello sul quale fu costruito, si noterà uno scorcio di Vallio Terme e, alzando lo sguardo, si scorgerà il monte Baldo. Il culto della chiesetta di S. Eusebio risale ad epoca assai remota, si hanno infatti dei documenti riguardanti un inventario datati 1410.

Panorama di Vallio Terme visto dal colle S. Euseb - Itinerari Brescia - Fotografia di Francesca Emer ©

La lontananza dal centro abitato, la posizione al passo montano di una strada e la vicina osteria per i viandanti la sottoposero a svariate manomissioni ed abbandoni.

Veduta del monte Baldo dal colle S. Euseb - Itinerari Brescia - Fotografia di Francesca Emer ©

Il Pilati, nel 1573, ordinava di dipingervi la pala dell’altare. In una visita pastorale del 1648 era detta squallida, parzialmente diroccata e abbandonata e, proprio per questo, il parroco ne aveva asportato le tovaglie ed il vescovo la interdisse al culto; così rimase fino alla visita 1676, quando si dispose per la pietra sacra dell’altare e l’eliminazione del vaso dell’acqua santa fuori dalla chiesa, da sostituire con uno nuovo.

All’esterno della chiesetta - Itinerari Brescia - Fotografia di Francesca Emer ©

Nel 1684 si dice che vi si celebrava la messa due volte l’anno. Nel 1750 si sottoscrissero dei patti tra i comuni di Caino e Vallio per la concessione di S. Eusebio alla comunità di Vallio e si redisse l’inventario degli arredi e mobili; questi accordi probabilmente erano già in atto precedentemente e venivano rinnovati ogni anno.

L’interno del santuario - Itinerari Brescia - Fotografia di Francesca Emer ©Facciata della chiesetta - Itinerari Brescia - Fotografia di Francesca Emer ©

Nel 1833 al muratore Giacomo Micheli furono pagate 13,50 lire per saldo di riparazioni a S. Eusebio, restauro e tinteggiatura. Nel 1896 si dice che questa chiesetta era visitata nelle feste del patrono, nelle processioni delle Rogazioni ed in circostanze di pubblica calamità. Nel 1922 si pagarono 127,20 lire al muratore Terzio Benini per lavori di restauro.

Porta d’ingresso - Itinerari Brescia - Fotografia di Francesca Emer ©Uno sguardo all’esterno - Itinerari Brescia - Fotografia di Francesca Emer ©

Nel 1959 la chiesa di S. Eusebio fu malauguratamente demolita ed ora vi è una nuova cappella (su progetto dell’ing.G. Lanfranchi) la cui prima pietra fu benedetta il 26 febbraio 1960 ed il cui interno è molto semplice. È dedicata a S. Pietro in Vincoli, abbandonando purtroppo anche l’antichissimo titolo di dedicazione.

Testo e Fotografie tratti dalla tesi di Francesca Emer: ” LA VALORIZZAZIONE DELL’ALTA VALLE DEL GARZA, DELLA VALLE DEL VRENDA E DELL’ALTOPIANO DI CARIADEGHE – Reportage fotografico tra marketing territoriale e sapori della natura”.

Francesca Emer possiede un interessante sito internet e una meravigliosa pagina Facebook. Vi consigliamo di visitarle.