La famosa Rocca Scaligera della penisola di Sirmione, fu costruita a scopo strategico e difensivo intorno alla metà del XIII secolo, probabilmente sui resti di una fortificazione romana e ancora oggi si può ammirare in tutta la sua maestosità grazie ad un perfetto stato di conservazione.

Il castello di Sirmione durante un temporale – Itinerari Brescia

Il castello si trova alle soglie dell’antico borgo ed è completamente circondato dall’acqua. Da questa posizione, Sirmione controllava un tempo le acque del Lago di Garda, difendendo la cittadina dalle aggressioni esterne, ed offre oggi un panorama mozzafiato che spazia dalle colline Gardesane alle rive del lago,le cui acque si estendono fino all’orizzonte.


Visualizzazione ingrandita della mappa

Attraversando il ponte levatoio che collega Sirmione alla terra ferma, si accede al cortile interno della Rocca, circondato da alte mura tra le quali si erge la torre d’avvistamento.

Scale interne e cunicoli, mura e portici, sotterranei e corridoi si snodano all’interno della Rocca Scaligera, ricreando l’atmosfera che si respirava nel castello durante la dominazione veneziana e svelando, passo dopo passo, i segreti della “fortezza”.

Una veduta panoramica della Rocca Scaligera dal Lago di Garda – Itinerari Brescia

Leggenda sul castello scaligero di Sirmione

Una leggenda narra la storia d’amore di Ebengardo e Arice che una volta vissero nel castello scaligero e che finì in tragedia quando una notte tempestosa offrirono riparo ad un cavaliere veneto di nome Elalberto.

Elalberto colpito dalla bellezza di Arice cercò di approfittare di lei nella notte, ma la uccise quando lei si mise a gridare in cerca d’aiuto.
Ebengardo trovando il corpo senza vita della sua amata e preso dalla follia uccise Elalberto, ed ancora oggi si dice che durante le notti di tempesta si veda il suo spirito che vaga tra le mura del castello alla ricerca della sua amata…