Il Castello Bonoris, realizzato nel XIX secolo, è inserito all’interno di un itinerario che si sviluppa attorno ai numerosi castelli presenti nella Bassa Bresciana.

Un particolare del seggio con baldacchino della Camera Verde – Itinerari Brescia

Il committente, Conte Bonoris, volle utilizzare i resti dell’antica Rocca difensiva preesistente per costruire il suo sfarzoso palazzo. All’originaria fortezza del X secolo si sostituì un castello esteticamente molto curato e d’impostazione romantica.

Il fianco orientale del castello e la torre circolare - Montichiari, Brescia – Itinerari Brescia
L’ingresso è costituito da un ponte levatoio principale stretto tra due torrette rifinite a coda di rondine. La facciata è affrescata e riporta lo stemma di Montichiari e del suo santo patrono, S. Pancrazio.

 

L’interno presenta grandi stanze completamente affrescate ad opera di Giuseppe Rollini intorno al 1898-1900, tra cui la cappella privata e la sala baronale risaltano per la perfezione dell’arte.
Le sale sono arredate con mobilio dal sapore antico, ricavato da pezzi unici dai fratelli torinesi Arboletti, mentre l’intero castello è abbracciato da un parco molto vasto, curato nei minimi dettagli e ricco di piante e fiori particolari.

L'elegante sala da pranzo, attentamente affrescata - Montichiari, Brescia – Itinerari BresciaLa parete di fondo della Cappella con la Salita al Calvario - Itinerari Brescia

Il castello è aperto al pubblico con visite guidate da aprile a ottobre, e organizza durante l’anno percorsi e laboratori didattici per le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado. Se vi trovate a Montichiari vi consigliamo di visitare questo splendido castello e di approfittarne per fare una visita anche al Museo Lechi, alla Pinacoteca Pasinetti e al Museo Bergomi.

Per maggiori informazioni www.montichiarimusei.it