Il cardinale Angelo Maria Querini…

La principale biblioteca bresciana nacque per volontà del cardinale Angelo Maria Querini, vescovo di Brescia, il quale, tra il 1746 e il 1749, la fece erigere all’interno del Palazzo Vescovile di Brescia.


Visualizzazione ingrandita della mappa

L’edificio fu progettato da Giovanni Battista Marchetti e dal figlio Antonio: la struttura è su due piani, al primo sono presenti il banco consegne, la sala ristoro (un tempo era un portico aperto sul giardino e si può trovare al suo interno una splendida fontana), al secondo piano ci sono la sala computer, il banco informazioni, parte dei depositi e le sale consultazione divise in tre blocchi, al centro il grande salone affrescato, preceduto e seguito da due salette.

La Biblioteca Queriniana: dal 1750 al servizio della cultura!

Alle sale di consultazione si accede tramite un grande scalone marmoreo che porta all’atrio affrescato da Piero Scotti ed Enrico Albrizzi.

La Biblioteca Queriniana: dal 1750 al servizio della cultura!La Biblioteca Queriniana: dal 1750 al servizio della cultura!

Il busto del cardinale Querini è opera di Antonio Callegari, il quale, in collaborazione con Antonio Ferretti è anche lo scultore delle statue poste sulla sommità dell’edificio.

La Biblioteca Queriniana: dal 1750 al servizio della cultura!La Biblioteca Queriniana: dal 1750 al servizio della cultura!

Il cardinale Querini donò alla neonata biblioteca una collezione di 1500 volumi e nel 1750 la struttura fu aperta al pubblico. Con la caduta della repubblica di Venezia nel 1797 fu dichiarata biblioteca nazionale della Repubblica Cisalpina e ricevette molti volumi provenienti dai conventi e dai monasteri soppressi dal regime napoleonico.

La Biblioteca Queriniana: dal 1750 al servizio della cultura!

Un patrimonio di circa 500.000 volumi

Il continuo afflusso di fondi continuò anche durante il XIX e il XX secolo con l’arrivo delle collezioni di alcune importanti famiglie bresciane e di singoli cittadini: attualmente il suo patrimonio si aggira sui 500.000 volumi.

La Biblioteca Queriniana: dal 1750 al servizio della cultura!Fontana - Itinerari Brescia - Fotografia di Laura Gatta

Il 13 luglio 1944 il palazzo viene gravemente danneggiato e nel dopoguerra fu sottoposta a un importante restauro con l’obiettivo di riportarla alle fattezze originali.

La Biblioteca Queriniana: dal 1750 al servizio della cultura!

Agli inizi del XXI secolo si vide necessario un secondo restauro per renderla più fruibile e permettere l’espansione dei suoi depositi che hanno raggiunto gli 11 km di scaffalature.

La Biblioteca Queriniana: dal 1750 al servizio della cultura!La Biblioteca Queriniana: dal 1750 al servizio della cultura!

Alla Biblioteca spetta per legge il deposito del terzo esemplare di ogni pubblicazione stampata o edita nella provincia di Brescia.

La Biblioteca Queriniana: dal 1750 al servizio della cultura!

La biblioteca, all’interno del suo patrimonio, possiede importanti manoscritti latini e italiani riccamente miniati e una grande collezione di incunaboli e di cinquecentine, soprattutto bresciane e benacensi, di cui spesso sono l’unico testimone.

La Biblioteca Queriniana: dal 1750 al servizio della cultura! - Origine foto: Biblioteca Queriniana

Per maggiori informazioni vi invitiamo a consultare il sito della biblioteca Queriniana www.comune.brescia.it

Da non perdere!

A poca distanza potete visitare anche la preziosa chiesa di Santa Maria della carità, il Duomo Nuovo, quello Vecchio e il Capitolium.

Vi consigliamo di leggere anche gli altri articoli che abbiamo pubblicato in merito alla Biblioteca Queriniana: Media Library On Line e Un prezioso messale del XV secolo.

Lorenzo Del Pietro
Fotografie di Laura Gatta